Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.
  • Museo Pignatelli
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
Avviso visite al Museo di San Martino

Domenica 5 marzo, e solo nelle domeniche gratuite, per motivi di sicurezza legati alla grande affluenza di pubblico, dalle ore 17 sarà possibile visitare esclusivamente la Chiesa e la Sezione presepiale.

Villa Jovis: Orari marzo 2017

VILLA JOVIS: Orario – marzo 2017

Da giovedì 2 a domenica 5 marzo: ore 10 -16 (ultimo ingresso ore 15.30)
Nelle settimane successive, apertura da mercoledì a sabato: ore 10 -16 (ultimo ingresso ore 15.30)

Castel Sant'Elmo: chiusura anticipata

Si comunica che, dal giorno 2 novembre 2016, il complesso monumentale di Castel Sant'Elmo, per motivi legati alla sicurezza, chiudera' al pubblico alle ore 17.00, con ultima emissione dei biglietti alle ore 16.00. Tale disposizione restera' in vigore fino al ripristino dell'impianto di illuminazione del fossato e delle rampe.

Salotto Verde

Ambiente di raccordo tra Sala da pranzo e Biblioteca, ha l’aspetto di un’abitazione tra fine Ottocento e inizi Novecento. La vasta raccolta di porcellane disposta nelle vetrine, parte delle collezioni di arti decorative di Rosina Pignatelli, comprende pregiati esemplari delle più importanti fabbriche italiane e straniere dei secoli XVIII e XIX. Tra questi, la Lavandaia, della Real Fabbrica di Capodimonte (1743-1759), è tratta da un dipinto di Chardin; le Dame (1785-1795) in biscuit di gusto neoclassico modellate da Filippo Tagliolini risalgono al periodo ferdinandeo (Real Fabbrica di Napoli 1771-1806); il biscuit con Carolina Murat (1808-1815 ca.), della produzione Poulard Prad e di stretta affinità stilistica con il ritratto della regina sul “carro dell’Aurora”, dessert da tavola conservato a Capodimonte, ricava l’iconografia, attraverso la Letizia Ramolino Bonaparte del Canova, dall’originale romano dell’Agrippina seduta conservata nella raccolta Farnese del Museo Archeologico di Napoli (1807-1821). Il Servizio da caffè con vedute e scene di genere (1830-1835 ca.) è di Raffaele Giovine (attivo 1819-1859) e la Trembleuse, della prima metà del secolo XVIII, è della fabbrica dei Miotti di Venezia.

Tra le produzioni europee, della manifattura di Meissen – la più ampiamente rappresentata – è il Servizio da caffè con marine (III periodo, 1735-1740 ca.), mentre di manifattura viennese sono il Perseo che libera Andromeda (1760-1765 ca.) e il Venditore di salumi. Sono da ammirare, inoltre, il Cofanetto con necessaire da toletta, decorato a scene pastorali, di Staffordshire, Inghilterra, della fine del secolo XVIII e la Gatta e cucciolo di fine secolo XVIII della manifattura giapponese di Arita.

Tra gli arredi merita una menzione lo Scrittoio con alzata ornato da placche di porcellana di Sèvres di manifattura francese della seconda metà del Settecento, sul quale poggia un prezioso Orologio in bronzo dorato e inserti in porcellana e smalti di manifattura francese dell’Ottocento.

 

0 Salotto verde

  1 Carolina Murat   2 RFC lavandaiachardin

 

 

Polo museale della Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Segreteria:  0039.081.2294459   -  0039.081.2294454   |   Centralino:  0039.081.2294401
Email:  pm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-pm-cam@mailcert.beniculturali.it
webmaster    |