Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.
  • Museo Pignatelli
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .

AVVISI

Seduta pubblica Open Campania

AVVISO SEDUTA PUBBLICA: Si comunica che in data 01.03.2019, alle ore 10:00, si terrà la seduta pubblica per l’appalto del progetto “OPEN CAMPANIA. I MUSEI DELLA CAMPANIA IN RETE”, nel corso della quale si procederà alla lettura dei punteggi attribuiti alle singole offerte tecniche ed all'apertura delle buste contenenti l'offerta economica.

Chiusura temporanea Girolamini

Chiusura temporanea del COMPLESSO MONUMENTALE DEI GIROLAMINI fino all’11 aprile 2019:  Il Complesso resterà chiuso al pubblico per consentire il riallestimento della Quadreria nei nuovi spazi ad essa destinati negli ambulacri adiacenti alla Biblioteca statale oratoriana e per predisporre l’accessibilità del sito anche durante l’esecuzione degli interventi di restauro, già avviati e da avviare, migliorando i requisiti di sicurezza accoglienza e funzionalità.  Info +39.081.294444 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Salottino Pompeiano

Ideato da Gugliemo Bechi, il piccolo gabinetto da toletta semicircolare era utilizzato dalle nobili ospiti durante le feste e serate danzanti per riordinare le proprie acconciature. I partiti architettonici e gli elementi stilistici si rifanno a schemi ornamentali propri del IV stile pompeiano (età neroniana) e riprendono originali 

ormai scomparsi, ma riprodotti in una incisione del 1824 dell’architetto francese François Mazois, sebbene l’eclettismo d’insieme riveli derivazioni da ulteriori fonti pompeiane.

Le pareti, su zoccolature nera, sono ornate con giochi prospettici, quadretti di vedute, amorini e figure femminili. Nell’esedra spiccano i due quadri centrali delle edicole con le scene eseguite su carta incollata sottovetro che illustrano temi dell’epopea antica: Ila rapito dalle Naiadi e Marte e Venere, di Nicola La Volpe e Gennaro Maldarelli.

Questo gusto decorativo era molto in auge a Napoli tra il terzo e il quinto decennio dell’Ottocento, mentre l’esecuzione con colori ad olio applicati su uno strato di stucco steso sul muro simula la tecnica della pittura ad encausto usata in epoca greco-romana.

0. salottino pompeiano   1. La Volpe Ila   3. Bechi decorazione

 

 

Polo museale della Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Email:  pm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-pm-cam@mailcert.beniculturali.it

Informazioni   |  Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) :  0039.081.2294415   -  0039.081.2294470
Email:  pm-cam.urp.edu@beniculturali.it
webmaster    |