Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.

AVVISI

Riapertura Museo Duca di Martina

Dal 1 febbraio si riapre al pubblico il Museo Duca di Martina con il consueto orario. Nelle more che si completino i lavori di potatura e di messa in sicurezza degli alberi del Parco, l'apertura è limitata al solo museo con ingresso da Via Aniello Falcone, n. 171.

Attività annullate Duca di Martina

Si comunica che tutte le attività pre​viste nel Museo Duca di Martina e nel Parco della Floridiana per il corrente mese di gennaio sono annullate, per lavori di messa in sicurezza. In occasione della riapertura saranno comunicate le nuove date delle attività sospese.

Chiusura Museo e Parco Floridiana

Dal 23 dicembre il Museo e il Parco della Floridiana sono chiusi al pubblico per la caduta di alberi d'alto fusto. Verranno riaperti non appena saranno eseguite le necessarie verifiche di sicurezza.​

Orario apertura luoghi del Polo

Si comunica che quest'Istituto s'impegna per offrire al pubblico un orario di visita quanto più esteso possibile, nel rispetto dei criteri per l'apertura al pubblico, la vigilanza  e la sicurezza dei musei e dei luoghi della cultura statali previsti dal D.M. del 30 giugno 2016, in attesa che vengano espletate le previste procedure concorsuali finalizzate al superamento delle attuali carenze organiche e al conseguente incremento del personale in servizio.

Le camelie della Floridiana

Museo Duca di Martina, 11 – 15 marzo 2018.  

Domenica 11 marzo apre al pubblico, dalle ore 12, nel Salone delle feste la mostra di fiori recisi, provenienti dal boschetto della Villa Floridiana, una occasione per conoscere le diverse cultivar delle piante di camelie esistenti nel Parco della Floridiana.

La pianta, introdotta in Italia e per la prima volta nel Giardino inglese della Reggia di Caserta da John Andrew Graefer nel 1786, giunge nel parco napoletano nei primi decenni dell’Ottocento, molto probabilmente per volere dello stesso re Ferdinando di Borbone che aveva acquistato la Villa per la sua moglie morganatica Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia.

I lavori di restauro della Villa e dell’intero appezzamento di terreno che a quel tempo comprendeva anche l’attuale parco di Villa Lucia, erano stati affidati all’architetto di corte Antonio Niccolini che nel 1825 diede incarico al giardiniere reale Federico Dehnardt di arricchire il parco con piante esotiche e parterres floreali.

La pianta, originaria del Giappone, appartiene alla famiglia delle Theaceae ed il suo nome scientifico è Camellia japonica, dal nome di un gesuita ceco che per primo la descrisse sul finire del Seicento. In questa specie si hanno notevoli mutazioni gemmarie, e quindi si ottengono germogli sui quali si sviluppano fiori con colorazioni diverse. Spesso, quindi, si può avere un ramo che presenta fiori di colorazione diversa rispetto agli altri rami della stessa pianta. Questo fenomeno ha appassionato moltissimi collezionisti che hanno considerato queste mutazioni come delle vere e proprie varietà. I petali possono essere di colore bianco, rosa, rosso, violetto ed inoltre esistono decine di specie ottenute per ibridazione, per cui i petali possono essere di colore uniforme o screziati o sfumati. La fioritura avviene tra la fine dell’inverno e gli inizi della primavera ed il fiore deve la sua rinomanza soprattutto allo scrittore Alessandro Dumas figlio che nel 1848 lo immortalò con il romanzo "La signora delle Camelie".

La mostra è curata da Luisa Ambrosio, direttore del museo, con la collaborazione dell’assistente tecnico Luciano La Torre; sarà illustrata nel corso dell’inaugurazione da Addolorata Ines Peduto, tecnico biologo dell’Ufficio Tecnico del Parco e Acquedotto Carolino della Reggia di Caserta; Antonia Grippa, tea trader, in questa occasione, descriverà anche le differenze con la pianta della Camellia Sinensis da cui deriva il tè. Per tutti gli ospiti sono previste degustazioni delle diverse specie di tè, gentilmente offerte da Il piacere di offrire il tè.

Bandi e Avvisi ANNO 2019

Bandi e Avvisi ANNO 2020

Bandi e Avvisi ANNO 2018

Polo museale della Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Email:  pm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-pm-cam@mailcert.beniculturali.it

Contatti telefonici Uffici e Luoghi della Cultura >>

Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) :  0039.081.2294-415/584/585/470
Email:  pm-cam.urp@beniculturali.it
webmaster    |