Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.

AVVISI

Riaprono al pubblico

IT: Siamo lieti di comunicare che saranno di nuovo aperti al pubblico: dal 4 luglio la Certosa di San Lorenzo (Padula, SA); dal 6 luglio il Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno (Sarno, SA); dall’8 luglio il Museo archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele (Eboli, SA); dal 9 luglio la Certosa di San Martino (Napoli), il Palazzo della Dogana dei Grani (Atripalda, AV); dal 10 luglio il Museo di San Francesco a Folloni (Montella, AV).
I siti della Direzione regionale Musei Campania attualmente visitabili nella provincia di Napoli sono: Castel Sant'Elmo, Villa Pignatelli (Museo delle carrozze, Appartamento storico, giardino), Villa Floridiana (viale centrale, aiuola grande e Belvedere), Parco e Tomba di Virgilio, Palazzo Reale, Certosa di San Giacomo, Grotta Azzurra e Villa Jovis a Capri, Museo archeologico territoriale della Penisola sorrentina “Georges Vallet” a Piano di Sorrento, Museo storico archeologico di Nola.
Nella provincia di Caserta: Museo archeologico dell’antica Capua, Anfiteatro campano e Museo dei gladiatori a Santa Maria Capua Vetere, Museo archeologico dell’Agro atellano a Succivo, Museo archeologico dell’antica Allifae, ad Alife, Museo archeologico di Calatia a Maddaloni, Museo archeologico e Teatro romano di Teanum Sidicinum a Teano.
In provincia di Salerno, il Museo archeologico nazionale di Pontecagnano; a Benevento il Teatro romano e a Montesarchio il Museo archeologico del Sannio Caudino.
Per le prossime riaperture, ulteriori informazioni saranno comunicate tempestivamente sul sito istituzionale e sui canali social ufficiali della Direzione regionale Musei Campania.

ENG: We are pleased to announce that they will be open to the public again: from 4 July the Certosa di San Lorenzo (Padula, SA); from July 6 the Sarno Valley National Archaeological Museum (Sarno, SA); from 8 July the Archaeological Museum of Eboli and the Middle Valle del Sele (Eboli, SA); from July 9 the Charterhouse of San Martino (Naples) and the Palazzo della Dogana dei Grani (Atripalda, AV); from10 July the Museum of San Francesco in Folloni (Montella, AV).
The sites of the Campania Regional Museums Directorate currently open in the province of Naples are: Castel Sant'Elmo, Villa Pignatelli (Museum of carriages, historic apartment, garden), Villa Floridiana (central avenue, large flowerbed and Belvedere), Virgil's Park and Tomb , Royal Palace, Charterhouse of San Giacomo, Blue Grotto and Villa Jovis in Capri, Territorial Archaeological Museum of the Sorrento Peninsula "Georges Vallet" in Piano di Sorrento, Historical Archaeological Museum of Nola.
In the province of Caserta: Archaeological Museum of ancient Capua, Campania Amphitheater and Gladiators Museum in Santa Maria Capua Vetere, Archaeological Museum of Agro Atellano in Succivo, Archaeological Museum of ancient Allifae, in Alife, Archaeological Museum of Calatia in Maddaloni, Archaeological museum and Roman theater of Teanum Sidicinum in Teano.
In the province of Salerno, the National Archaeological Museum of Pontecagnano; the Roman Theater in Benevento and the Sannio Caudino Archaeological Museum in Montesarchio.
For the next reopenings, further information will be promptly communicated on the institutional website and on the official social channels of the Campania Museums Regional Directorate.

Riapertura Biblioteca Molajoli

Da martedì 30 giugno 2020 riapre al pubblico la Biblioteca “B. Molajoli” a Castel Sant’Elmo, Napoli. La biblioteca osserverà le seguenti regole per l'accesso ai locali:
- apertura al pubblico esterno martedì e giovedì, ore 8-14;
- prenotazione dei volumi e della consultazione in sede fino alle ore 12 del giorno precedente al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;
- presenza consentita nei locali di un massimo di 6 utenti.
I lettori devono essere muniti di mascherine e devono igienizzare le mani per evitare l'eventuale contaminazione dei volumi.
I lettori devono registrarsi al banco dell'accettazione e firmare un modulo di autocertificazione disponibile presso la sede oppure scaricabile QUI.
I libri saranno lasciati in locali appositi per un tempo di 7 giorni, dopo la consultazione e solo dopo tale periodo saranno di nuovo resi disponibili per altri eventuali utenti.

Questionario sui musei nella fase 2

La Direzione generale Musei propone un questionario online per comprendere le aspettative del pubblico riguardo all’offerta culturale da sviluppare in questa fase di riapertura dei musei e dei luoghi della cultura, pur nel rispetto delle norme di sicurezza del periodo. Compila il questionario online, in pochi minuti ci offrirai un prezioso contributo per conoscere la tua opinione su quali attività culturali dovrebbero essere maggiormente sviluppate in questa fase e per migliorare la qualità della visita e dei servizi offerti dai singoli Musei. Il questionario è anonimo e tutte le risposte sono tutelate nel rispetto della normativa sulla privacy. Grazie per la condivisione e la partecipazione!
Link al questionario online -->>

Biblioteca di storia dell'arte Bruno Molajoli

Direttore

Sede
Telefono
Email
PEC
Orari

Gennaro D'Antò

Castel Sant'Elmo - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
0039.081.2294417/44 - fax 0039.081.2294498
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
08.00 - 14.00

 

Da martedì 30 giugno 2020 riapre al pubblico la Biblioteca “B. Molajoli” a Castel Sant’Elmo, Napoli. La biblioteca osserverà le seguenti regole per l'accesso ai locali:

- apertura al pubblico esterno martedì e giovedì, ore 8-14;
- prenotazione dei volumi e della consultazione in sede fino alle ore 12 del giorno precedente al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;
- presenza consentita nei locali di un massimo di 6 utenti.

I lettori devono essere muniti di mascherine e devono igienizzare le mani per evitare l'eventuale contaminazione dei volumi.

I lettori devono registrarsi al banco dell'accettazione e firmare un modulo di autocertificazione disponibile presso la sede oppure scaricabile QUI.

I libri saranno lasciati in locali appositi per un tempo di 7 giorni, dopo la consultazione e solo dopo tale periodo saranno di nuovo resi disponibili per altri eventuali utenti.

 

La Biblioteca “Bruno Molajoli”, istituita nel 1993 presso Castel Sant'Elmo, nasce dalla fusione della biblioteca d'istituto della Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici di Napoli, fin dal 1961 collocata a Capodimonte, con la Biblioteca del Museo Nazionale di San Martino, allo scopo di documentare, supportare e agevolare le attività istituzionali.

Le collezioni bibliografiche sono costituite da ca 65.000 volumi e 300 periodici, specializzati in storia dell’arte, monografie su artisti, cataloghi di mostre, cataloghi d’aste, testi di storia della pittura, scultura, architettura. L’incremento e le acquisizioni avvengono prevalentemente grazie a doni ed un accurato programma di scambi con altre istituzioni, pubbliche e private, data l’esiguità del budget. Al nucleo originario di libri provenienti dalla allora Soprintendenza ai Monumenti e Gallerie della Campania, si aggiungono la biblioteca di Paolo Ricci, il primo nucleo bibliografico donato da Bruno Molajoli, che si arricchisce nel 2011 di una cospicua donazione di volumi, periodici e carte voluta dagli eredi, il fondo Forges Davanzati, le più recenti donazioni Bozzato e Bossa. L'incremento medio annuo è di circa 300 volumi.

La biblioteca è organizzata per argomenti, con un’ampia sezione dedicata all’arte napoletana. I periodici sono divisi in testate italiane e straniere, ordinate alfabeticamente. La catalogazione è stata prima cartacea, poi informatizzata, a partire dal 1994, con adesione al Servizio Bibliotecario Nazionale, curato dall'Istituto Centrale per il Catalogo Unico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

I cataloghi cartacei sono stati aggiornati fino al 2010 e organizzati per autore/titolo, soggetto e spogli di periodici. Le acquisizioni a partire dal 2010 sono recuperabili solo nel catalogo collettivo on line di SBN e nel catalogo topografico cartaceo. Gli standard catalografici usati sono le ISBD, le RICA, le REICAT e il Soggettario di Firenze.

Il catalogo informatizzato è raggiungibile 24/24 ore dall’OPAC dell’Indice del Servizio Bibliotecario Nazionale e dall’OPAC del Polo SBN Napoli presso la Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III.

Non si effettua prestito locale e interbibliotecario, ma solo per mostre. Agli utenti viene garantita assistenza per le ricerche e la consultazione, ed è consentita la riproduzione con propri mezzi, entro i limiti stabiliti dalla normativa.

Servizio al pubblico:
Accesso: libero per gli interni; tesserino di ammissione rilasciato dalla Biblioteca previa domanda indirizzata al Soprintendente o malleveria di un docente.
Sale di lettura: 1
Posti disponibili: 20
Postazioni pc per utenti: 2
Cataloghi: OPAC Polo SBN Napoli e OPAC Indice SBN
Servizi: accesso cataloghi cartacei e on-line, informazioni bibliografiche sulle collezioni bibliografiche, assistenza nella ricerca, consultazione libri e periodici, riproduzione con mezzi propri.

 

Polo museale della Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Email:  drm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-drm-cam@mailcert.beniculturali.it

Contatti telefonici Uffici e Luoghi della Cultura >>

Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) :  0039.081.2294-415/584/585/470
Email:  drm-cam.urp@beniculturali.it
webmaster    |