Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.

AVVISI

Chiusura Museo e Anfiteatro Capua

Giovedì 22 ottobre 2020 il Museo archeologico dell'Antica Capua e l'Anfiteatro Campano restano chiusi al pubblico in occasione della festività del Santo patrono.

Chiusa Certosa e Museo San Martino

Temporanea chiusura della Certosa e Museo di San Martino. Aggiornamenti.
Siamo spiacenti di comunicare che la Certosa e il Museo di San Martino restano ancora chiusi al pubblico per attività di sanificazione straordinaria e controlli, connesse al forte incremento della diffusione dei contagi in regione e rese necessarie da due casi di sospetta positività al COVID-19 fra il personale dipendente, ancora in corso di accertamento.  Le attività di sanificazione straordinaria e i controlli sono stati già avviati in via preventiva e precauzionale, per tutelare la sicurezza del personale e del pubblico.  La riapertura sarà assicurata il prima possibile nei tempi necessari a garantire la sicurezza di tutti, come previsto dai protocolli sanitari in vigore nella nostra regione. Ulteriori aggiornamenti saranno tempestivamente comunicati sul sito istituzionale e sui canali social del museo.

Domeniche gratuite SOSPESE

È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale l’ordinanza del Ministero della Salute che sospende le domeniche gratuite al museo, in attuazione delle misure di riduzione e contenimento del rischio connesso all’emergenza sanitaria da COVID-19
LEGGI LA PUBBLICAZIONE -->>

 

Ticket points attivi

IT: I biglietti per il Museo Pignatelli, la Certosa e Museo di San Martino, Castel Sant'Elmo, Palazzo Reale, Villa Iovis e la Certosa di San Giacomo a Capri, si acquistano online su www.coopculture.it oppure nei tre ticket point a Palazzo Reale, a Castel Sant’Elmo e alla Certosa e Museo di San Martino.

ENG: Tickets for the Pignatelli Museum, the Certosa and Museum of San Martino, Castel Sant'Elmo, Palazzo Reale, Villa Iovis and the Certosa di San Giacomo in Capri, can be purchased online on www.coopculture.it or in the three ticket points at Palazzo Reale, Castel Sant'Elmo and Certosa and Museum of San Martino.

Nuovo sistema di bigliettazione

Attivo il nuovo sistema di bigliettazione per i Musei napoletani della Direzione regionale Musei Campania - 11 luglio 2020
La Direzione regionale Musei Campania, dopo il completamento in poche settimane del piano di riapertura dei siti e musei su tutto il territorio regionale, attiva il sistema di prenotazione e acquisto online.
Abbiamo rafforzato e privilegiato la prenotazione online, accogliendo le nuove abitudini e le richieste di turisti e visitatori abituali dei siti museali, per evitare file e assembramenti. Abbiamo previsto entrate contingentate, per consentire a tutti la sicurezza ma anche il proprio tempo per godere della visita.
Previsti in aggiunta due ticket point, in due luoghi facilmente raggiungibili della città, uno a Palazzo Reale e l’altro a Castel Sant’Elmo, dove sarà possibile acquistare il biglietto anche per gli altri musei napoletani della Direzione, incluso i siti di Villa Iovis e Certosa di San Giacomo a Capri. Per la Certosa è stato predisposto un biglietto ridotto nei giorni infrasettimanali, mentre nel week-end sarà fornito il servizio di audioguida incluso nel biglietto di ingresso.
Le due biglietterie on site saranno attive da sabato 11 luglio 2020 con alcune novità: a Castel Sant’Elmo saranno disponibili i biglietti per i siti della collina del Vomero, Castel Sant’Elmo, Certosa e Museo di San Martino e Parco della Floridiana.
La seconda biglietteria sarà a Palazzo Reale, dove, dal 18 luglio prossimo, si potrà acquistare anche il biglietto per visitare il Museo delle carrozze e l’appartamento storico del Museo Pignatelli.
Sarà sempre possibile entrare gratuitamente, per la stagione estiva, negli spazi verdi e nei giardini di Villa Pignatelli e del Parco della Floridiana, che sono tra i polmoni verdi più importanti della città.
Restituiamo ai visitatori i circuiti di visita grazie alle strategie condivise con le istituzioni locali, le associazioni e gli operatori economici collegati alle azioni di valorizzazione e promozione del territorio.
Abbiamo scelto l’ottimismo “sostenibile”, con la voglia di scommettere sul futuro e, insieme, il senso di responsabilità, osservando tutte le regole imposte dall’emergenza sanitaria, ma con la consapevolezza dell’importanza di riannodare il senso della comunità e i valori identitari dei nostri luoghi della cultura.
Info: www.coopculture.it

Giornate Europee del Patrimonio - Sabato 26 | Domenica 27 settembre 2020

Direzione regionale Musei Campania, Sabato 26 | Domenica 27 settembre 2020.

Sabato 26 e domenica 27 settembre 2020 tornano le Giornate Europee del Patrimonio, promosse dal Consiglio d’Europa in collaborazione con la Commissione UE, che si svolgono nei 50 paesi aderenti alla Convenzione culturale europea.
La Direzione regionale Musei Campania insieme ai suoi musei partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio, con tanti appuntamenti e iniziative in tutta la regione, per favorire e promuovere la ripresa culturale e sociale, dopo la graduale riapertura degli scorsi mesi, nel segno di una profonda condivisione dei valori europei.
Il MiBACT, con lo slogan Imparare per la vita, si ispira al tema Heritage and Education. Learning for Life, scelto dal Consiglio d’Europa, che quest’anno pone l’accento sull’impatto positivo del patrimonio culturale materiale, immateriale e digitale sulle nostre vite, per trovare ispirazione e nuovi modi di costruire il futuro anche e soprattutto nei momenti difficili, come quello che stiamo attraversando.
Il tema dell’edizione 2020, richiama e valorizza la funzione educativa e formativa dei musei, il ruolo attivo dei cittadini e delle comunità alla vita culturale e sociale, attraverso la riscoperta e la rinnovata consapevolezza della propria storia comune, a partire dal patrimonio culturale più prossimo.
La recente riapertura dei musei, presidi culturali sul territorio, luoghi di comunità, conoscenza e formazione continua - una formazione come crescita e arricchimento che accompagni i cittadini lungo tutta la vita - si affianca alla riapertura delle scuole, in un percorso condiviso di sfide comuni per la riappropriazione di idee e valori, spazi e legami con la collettività, nonché di costruzione del sentimento di futuro, che la pandemia ha, talvolta, messo in crisi.
Numerosi gli eventi in programma nei musei e luoghi della cultura che compongono la rete della Direzione regionale, realizzati anche in collaborazione con le istituzioni e le associazioni del territorio, in una prospettiva di rete culturale sempre più ampia, basata su un dialogo concreto con e per la collettività. Le iniziative, organizzate nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste dall’emergenza sanitaria, prevedono aperture straordinarie ed eventi nei musei e nei luoghi della cultura statali, cui si accederà con orari e costi ordinari, mentre sabato 26 settembre le aperture serali saranno al costo simbolico di 1 euro.
Visite guidate, presentazioni e incontri sul tema, attività didattiche, percorsi teatralizzati, performance artistiche ed esposizioni temporanee saranno, così, un’occasione condivisa per vivere in sicurezza il proprio patrimonio culturale.

downloadSCARICA IL PROGRAMMA

downloadORARI DI APERTURA MUSEI E LUOGHI DELLA CULTURA


NAPOLI

Castel Sant’Elmo- Museo del Novecento a Napoli
Bambini e Musei
Sabato 26 e domenica 27 settembre 2020, ore 10.00-13.00
Ispirato al tema delle Giornate Europee del Patrimonio di quest’anno, Imparare per la vita, per implementare la conoscenza dei linguaggi artisti contemporanei già dalla scuola primaria, l'attività didattica proposta permette di approfondire i principali nuclei estetici di una delle avanguardie storiche più significative del Novecento, il Futurismo, che ha avvicinato, attraverso performance e azioni, il concetto di Arte alla Vita. Rivolgendo uno sguardo attento a cogliere le innovazioni e i mutamenti circostanti, gli artisti futuristi hanno introdotto nelle loro ricerche elementi e aspetti di vita quotidiana che includono l'arredamento, la moda, la musica e il teatro. I più piccoli saranno impegnati nella realizzazione di un “abito” di carta e nella produzione di un intervento sonoro vocale con l'ausilio di documenti audiovisivi incentrati sulle opere futuriste custodite al Museo del Novecento a Napoli a Castel Sant'Elmo. Nel pieno rispetto delle norme antiCovid, ciascun partecipante dovrà essere dotato dell’occorrente personale per lo svolgimento delle attività (matite, pastelli, pennarelli). L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Étant donnés e gli Istituti scolastici del quartiere Vomero. Prenotazione obbligatoria (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
Info: Via Tito Angelini 22, Napoli | +39 081 2294449 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Certosa e Museo di San Martino
Disconnessioni: nell’ascolto del silenzio
Sabato 26 settembre 2020, ore 10.30
In un mondo che si muove a ritmi elevati, è sempre più difficile concentrarsi e vivere il momento presente. La Certosa di San Martino, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio propone una visita speciale: i partecipanti saranno invitati a spegnere i propri dispositivi elettronici e a rivivere la vita quotidiana degli antichi monaci, seguendo i passi di un giovane novizio, dal suo ingresso al monastero al suo isolamento dal mondo, con le sue regole, con la sua quotidianità fatta di preghiera, osservazione e attività manuale. Grazie alle letture di testimonianze storiche e contemporanee alla scoperta dei luoghi e dei simboli del complesso religioso, ciascun partecipante potrà lasciare il mondo fuori e connettersi con se stesso. L’evento è a cura del Servizio educativo del Museo e con la partecipazione del performer Mauro Maurizio Palumbo. Prenotazione obbligatoria (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
Info: Largo San Martino 5, Napoli | +39 081 2294503 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Parco e Tomba di Virgilio
Apertura straordinaria del Parco e Tomba di Virgilio
Sabato 26 settembre 2020, ore 15.00-18.00
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, sabato 26 settembre 2020 il Parco e Tomba di Virgilio resterà aperto fino alle 18.00. Incastonato sulle pendici orientali del promontorio di Posillipo, il sito ospita monumenti rilevanti per la storia partenopea e la sua denominazione ha origine dall’attribuzione al poeta latino Publio Virgilio Marone del sepolcro romano che custodisce. Già in epoca antica, circa un secolo dopo la morte di Virgilio, il luogo divenne sacro per i suoi ammiratori e fu meta del turismo colto, a partire da Stazio, Plinio il Giovane e Silio Italico, fino a Petrarca, Boccaccio e Cino da Pistoia. In quest’area è sepolto anche un altro grande poeta, Giacomo Leopardi, le cui spoglie furono qui traslate nel 1939 dall’antica Chiesa di San Vitale a Fuorigrotta, oggi scomparsa. Passeggiando verso la sommità del parco, si percorre un itinerario naturalistico e letterario, immergendosi tra le essenze arboree della macchia mediterranea citate nelle opere del Poeta, fino ad arrivare alla Crypta Neapolitana, una delle più antiche gallerie del mondo, scavata in età augustea per facilitare i collegamenti tra Napoli ed i Campi Flegrei, dal liberto Lucius Cocceius Auctus, architetto di Agrippa ed ammiraglio di Ottaviano.
Info: Salita della Grotta 20, Napoli | +39 081 669390 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Castel Sant’Elmo
RI-CONOSCENZA: Il Castello, da fortezza militare a cittadella delle arti
Sabato 26 settembre 2020, ore 19.00-22.00
Un percorso didattico attraverso le arti performative a Castel Sant’Elmo per conoscere un luogo simbolo della storia partenopea, a cura dell’artista Mauro Maurizio Palumbo. I visitatori scopriranno il castello, i motivi della sua costruzione, aneddoti e storie legate alla plurisecolare esistenza della fortezza situata sulla collina del Vomero. L'obiettivo di RI-CONOSCENZA, nel gioco di parole e significati, vuole essere una ri-partenza ma soprattutto una ri-scoperta della vocazione del sito. Attraverso la danza, il teatro, il canto, la musica, la pittura, la videoarte e la performance art, i giovani artisti - Ilaria Tucci, Sabrina Santoro, Salvatore Camerlingo, Maria Lucarelli, Aurora Sanarico, Francesco Rusciano, Giada Barbaro, Antonio Incoronato, Onorato Noris Lucarelli - avvicineranno il visitatore alla conoscenza del potenziale pedagogico delle arti perfomative e all’idea di una responsabilità condivisa della tutela del patrimonio culturale. La prima partenza del percorso è alle ore 19.00, poi una partenza ogni ora fino alle 22.00. Prenotazione obbligatoria (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), indicare come oggetto: PRENOTAZIONE EVENTO RI-CONOSCENZA.
Info: Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli | +39 081 2294449 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Certosa e Museo di San Martino
IMMAGINI, MEMORIE… E MUSICA. Percorso storico-artistico musicalizzato
Sabato 26 settembre 2020, ore 19.30
ll Museo di San Martino è il Museo della città di Napoli: la sezione Immagini e memorie racconta, attraverso le immagini, la storia e la civiltà delle arti a Napoli dal Quattrocento all’Ottocento. È possibile ripercorrere le vicende di Napoli e del Regno, dall’epoca aragonese al periodo vicereale, gli eventi del Seicento dall’eruzione del Vesuvio alla rivolta di Masaniello nei dipinti di Micco Spadaro, fino al Regno borbonico e all’Ottocento. Il Servizio educativo propone un “doppio” racconto della storia della città: alla visita guidata della sezione Immagini e Memorie seguirà un racconto “in musica” eseguito dal gruppo di musica antica e popolare Hyes Attis. Villanelle, tarantelle e arie popolaresche accompagneranno il visitatore alla scoperta dei cambiamenti storici e sociali della città in un viaggio attraverso i secoli. L’evento è realizzato con il sostegno dell’associazione Amici di Capodimonte. Prenotazione obbligatoria (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
Info: Largo San Martino 5, Napoli | +39 081 2294503 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo Duca di Martina in Villa Floridiana
Ritorniamo al Museo Duca di Martina
Sabato 26 settembre 2020, ore 19.00-22.00 | Domenica 27 settembre 2020, ore 9.00-13.00
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, apertura straordinaria del Museo Duca di Martina nel weekend del 26 e 27 settembre 2020. Sabato 26, dalle ore 19.00 alle 22.00, e domenica 27, dalle 9.00 alle 13.00, sarà possibile visitare le collezioni del Museo, che conserva dal 1931 una delle maggiori collezioni italiane di arti decorative. Oltre seimila opere di manifattura occidentale ed orientale, databili dal XII al XIX secolo, il cui nucleo più cospicuo è costituito dalle ceramiche. La raccolta, che dà il nome al museo, è stata costituita nella seconda metà dell’Ottocento da Placido de Sangro, duca di Martina, e donata dai suoi eredi nel 1911 alla città di Napoli.
Info: Via Aniello Falcone 171 - Via Domenico Cimarosa 77, Napoli | +39 081 5788418 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Palazzo Reale
“Almost Home” di Ryan Mendoza
Sabato 26 settembre 2020, ore 20.00-23.00
Sabato 26 settembre apertura straordinaria a Palazzo reale di Napoli dove, dalle 20.00 alle 23.00 (ultimo ingresso alle 22.00) sarà possibile visitare il palazzo e la mostra “Almost Home” dell’artista statunitense Ryan Mendoza. Promossa dalla Fondazione Morra Greco in collaborazione con la Direzione regionale Musei Campania, finanziata dalla Regione Campania, l’allestimento ruota intorno alla casa di Rosa Parks, esposta nel Cortile d’Onore, attivista dei diritti degli afroamericani che, insieme a Martin Luther King, è diventata un’icona della lotta per l’integrazione degli americani di colore. La mostra si inserisce nell'ambito del più ampio progetto “Global Forum for Education and Integration” dedicato all’educazione ed alla integrazione sociale che si svolgerà nel periodo 2020-2021 con l’obiettivo di costruire un forum permanente nella città di Napoli sull’educazione e l'integrazione e promuovere in Campania un laboratorio di sperimentazione delle politiche internazionali dei prossimi anni. La mostra sarà visitabile fino al 6 gennaio 2021.
Info: Piazza del Plebiscito 1, Napoli | +39 081 5808255 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo Pignatelli
A passeggio nelle stanze della Principessa
Sabato 26 settembre 2020, ore 20.30
Una visita guidata speciale sabato 26 settembre alle 20.30, alla scoperta degli appartamenti storici abitati dalla Principessa Rosina Pignatelli. Nel 1952, con il desiderio di perpetuare il ricordo della sua famiglia e del marito Diego, la Principessa lasciò la Villa allo Stato, purché “nessun oggetto potesse essere distratto a far parte di altre collezioni”. I visitatori potranno ammirare la Sala da ballo, la Veranda neoclassica e i salotti della Principessa - verde, azzurro, rosso e stile impero - accompagnati dalle note musicali di un violino, che farà rivivere le antiche atmosfere della Villa. Max 20 partecipanti fino a esaurimento posti.
Info: Riviera di Chiaia 200, Napoli |+39 081 7612356 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Parco e Tomba di Virgilio
Verso la Crypta, dentro Neapolis
Domenica 27 settembre 2020, ore 9.30-10.30
In occasione delle Giornate europee del patrimonio, domenica 27 settembre alle 9.30 al Parco e Tomba di Virgilio una speciale visita guidata alla scoperta della Crypta Neapolitana, in collaborazione con l’Associazione Cocceius.
La galleria fu costruita in età augustea dal liberto Lucius Cocceius Auctus, architetto di Agrippa, per collegare Napoli ai Campi Flegrei. Menzionato nella Tabula Peutingeriana, una carta con itinerari stradali di epoca tardo-imperiale, e ricordato da Strabone, Seneca, Petronio ed Eusebio, il cunicolo risulta scavato interamente nel tufo per una lunghezza di m705, una larghezza originaria di m 4,50 ed un’altezza di circa m 5,00, rischiarata e ventilata da due pozzi di luce obliqui. Max 30 partecipanti fino a esaurimento posti.
Info: Salita della Grotta 20, Napoli | +39 081 669390 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo Pignatelli
“Pignatelli e l’antico” e “Pignatelli e il Paesaggio”. Visite guidate
Domenica 27 settembre 2020, ore 10.30 e 11.30
Domenica 27 settembre 2020 due visite guidate tematiche a Villa Pignatelli, per scoprire il prezioso patrimonio del museo e del suo parco.
Alle 10.00 "Pignatelli e l’antico" sarà incentrata sul rapporto tra l’architettura di Villa Pignatelli e l’ambiente neoclassico a Napoli agli inizi del XIX secolo. Saranno illustrate le soluzioni eccentriche e originali ideate ed elaborate da Pietro Valente, ideatore del progetto, lontano dalla pacata armonia classica e dal rigore accademico della Napoli neoclassica e degli architetti a lui contemporanei. Un approfondimento riguarderà anche la decorazione degli interni realizzati da Guglielmo Bechi e gli arredi originali.
Alle 11.30, "Pignatelli e il Paesaggio" sarà dedicata alla scoperta del giardino all’inglese della Villa, dove si potranno osservare le rare specie arboree e botaniche piantate per la gran parte, a metà Ottocento, dalla principessa Rosina e da suo marito Diego. Nel corso della visita si metterà in luce la relazione inconsueta tra la struttura architettonica e il giardino circostante, che rende Villa Pignatelli un esempio unico all’interno del contesto urbanistico napoletano. Max 20 partecipanti fino a esaurimento posti.
Info: Riviera di Chiaia 200, Napoli |+39 081 7612356 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Certosa e Museo di San Martino
Suoni in Certosa! Gli antichi e i moderni
Domenica 27 settembre 2020, ore 11.00
Terzo ed ultimo concerto della rassegna “Suoni in Certosa! Gli antichi e i moderni”, progetto nato dalla collaborazione tra la Direzione regionale Musei Campania, la Certosa e Museo di San Martino e l’associazione Dissonanzen.
La rassegna è stata ideata per gli spazi pregni di arte e di echi della storia del complesso storico della Certosa e Museo di San Martino, che domina sulla città di Napoli, osservandone da secoli in silenzio i mutamenti, lenti ma costanti. Il concerto di domenica 27 settembre si svolgerà nel Chiostro Grande e vede il quintetto a fiato formato da Tommaso Rossi, Fabio D’Onofrio, Francesco Filisdeo, Giovanbattista Cutolo, Giacomo Lapegna, eseguire musiche che spaziano dal Rinascimento al XX secolo; il tema è la civiltà di corte, con le sue movenze di danza, i ritmi della socialità, cui allude la elegante suite La Chemineé du Roi Renè ispirata alla vita della corte di René d’Anjou, duca d’Angiò e conte di Provenza e per un brevissimo periodo anche re di Napoli. Prenotazione obbligatoria (www.eventbrite.it).
Info: Largo San Martino 5, Napoli | +39 081 2294503 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Certosa di San Giacomo
Viaggio nell’arte
Sabato 26 settembre 2020, ore 18.00-21.00
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio la Certosa di San Giacomo propone un percorso didattico multidisciplinare tra pittura, musica e architettura in collaborazione con l’associazione culturale Ápeiron e Kaos Music Lab. Gli allievi di Kaos Music Lab seguiranno un laboratorio di approfondimento sulle opere legate al mondo musicale e conservate nel museo della Certosa di San Giacomo. Al termine del laboratorio, i ragazzi diventeranno i protagonisti dell’iniziativa: saranno loro ad accogliere i visitatori nel Chiostro piccolo, eseguendo brani musicali insieme ad alcuni artisti di strada del Teatro dell'Onirico. Viaggio nell’arte è un’occasione per avvicinare i giovani al patrimonio storico-artistico, e creare un momento di partecipazione e condivisione tra esperti e pubblico.
Info: Via Certosa, Capri | +39 081 8376218 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Villa Jovis
Apertura serale di Villa Jovis
Sabato 26 settembre 2020, ore 19.00-22.00
Sabato 26 settembre dalle 19.00 alle 22.00, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, il parco archeologico di Villa Jovis sarà eccezionalmente aperto di sera. Nel luogo dove sorgeva il palazzo di Tiberio, a picco sul mare e in posizione appartata sulla vetta del Monte Tiberio, che proprio da lui prende il nome, sarà possibile accedere al piazzale d’ingresso per godere di una vista panoramica sul golfo di Napoli, la Penisola sorrentina, fino al golfo di Salerno, con affaccio sul celebre “Salto di Tiberio”, dal quale, secondo la leggenda, l’imperatore faceva gettare nemici, schiavi, amanti o condannati a morte.
Info: Via Tiberio, Capri | +39 081 8370381 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo storico archeologico di Nola
I Gigli di pietra
Sabato 26 settembre 2020, ore 18.00-22.00 | Domenica 27 settembre, ore 11.00-12.30 e 17.00-22.00
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio il Museo storico archeologico di Nola propone tre giorni di eventi e manifestazioni - dal 25 al 27 settembre - che si concluderanno con la mostra “I Gigli di pietra”. Domenica 27 settembre 2020, dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 22.00, sarà possibile visitare la mostra, dove saranno esposti i documenti storici legati alla tradizionale Festa dei Gigli che è stata riconosciuta nel 2013 patrimonio immateriale dell’umanità dall’Unesco. La manifestazione è organizzata in collaborazione con l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, la Fondazione Festa dei Gigli, l’associazione Contea Nolana, nell’ambito del Progetto S.A.VAG.E. Salvaguardia e Valorizzazione dell’Autenticità nella Gestione dei Gigli di Nola.
Info: Via Senatore Cocozza 2, Nola | +39 081 5127184 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico della penisola sorrentina Georges Vallet
Alla scoperta della penisola sorrentina
Sabato 26 settembre 2020, ore 19.30 | Domenica 27 settembre 2020, ore 10.30
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, il Museo archeologico Georges Vallet, sabato 26 settembre alle 19.30 e domenica 27 alle 10.30, organizza due visite guidate alla scoperta della penisola sorrentina. Un percorso che, attraverso i reperti archeologici, le installazioni multimediali e i percorsi tematici allestiti all’interno della splendida cornice di Villa Fondi, condurrà i visitatori in un viaggio nel tempo, dalle prime fasi di occupazione del territorio durante la preistoria, all’età romana, quando, dalla fine dell’età repubblicana e soprattutto nel primo secolo dell’Impero, personaggi di spicco dell’aristocrazia scelsero questi luoghi per costruire lussuose ville marittime. Sarà possibile visitare, inoltre, la mostra “Doni per l’eternità”, che racconta la storia e le scoperte dell’archeologia attraverso importanti reperti, esposti per la prima volta e provenienti dalle campagne di scavo condotte in località Trinità, che confermano la continuità di occupazione del territorio dal periodo eneolitico (III millennio a.C.) all’età romana, e “Surrentum_vacanze da imperatori”, che espone la seconda parte dello splendido ninfeo a mosaico del museo, ritrovato in una delle ville romane sul mare, con una ricostruzione digitale che ne fa immaginare l’intera bellezza.
Info: Via Ripa di Cassano, Piano di Sorrento | +39 081 8087078 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


CASERTA

Museo archeologico dell’antica Allifae
Dalle fortificazioni sannitiche del Monte Cila all’acquedotto romano
Sabato 26 settembre 2020, ore 16.00-21.00 | domenica 27 settembre 2020, ore 10.00-13.00
Sabato 26, dalle 16.00 alle 21.00, e domenica 27 settembre 2020, dalle 10.00 alle 13.00, il Museo archeologico dell’antica Allifae propone un percorso di visite guidate itineranti alla scoperta di Alife. Partenza dalle mura megalitiche sannitiche del Monte Cila fino all’acquedotto romano, con tappa finale al museo per una visita alle sale espositive. L’iniziativa, ideata per promuovere la conoscenza del territorio nelle Giornate Europee del Patrimonio, è organizzata in collaborazione con l’associazione culturale Cuore Sannita di Piedimonte Matese ed è una preziosa occasione per conoscere uno dei luoghi più affascinanti della Campania antica.
Info: Piazza XIX Ottobre, Alife | +39 0823 787005 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Anfiteatro campano
Il risveglio dell’arte
Sabato 26 settembre 2020, ore 17.00
Sabato 26 settembre 2020 alle 17.00 nell’area dell’Anfiteatro campano sarà visitabile la mostra estemporanea “Il risveglio dell’arte”, a cura di Ferdinando Sorrentino, organizzata dall’associazione culturale Mitreo Film Festival in collaborazione con l'associazione “Non me ne vado” per i 20 anni dell'omonimo festival. La mostra sarà accompagnata da una performance artistica e da un contest, in cui trenta artisti, interagendo con il luogo e gli spettatori, cattureranno nelle loro creazioni la bellezza del mondo circostante attraverso la pittura e la scultura, per immortalare, dopo l’isolamento costretto, il risveglio dell’arte. A conclusione dell’evento avrà luogo la premiazione da parte di una giuria composta da galleristi, direttori museali, critici e maestri, che decreterà i tre finalisti ai quali verrà assegnato un premio e, all'artista esordiente più giovane, sarà consegnata la targa premio di Artzone e MitreoFilmFestival. In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, il sito dell’Anfiteatro campano resterà aperto fino alle 22.00.
Info: Piazza I Ottobre 1860, Santa Maria Capua Vetere (CE) | +39 0823 844206 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico di Teanum Sidicinum
Insieme ai Sidicini
Sabato 26 settembre 2020, ore 19.00-22.00 | Domenica 27 settembre 2020, ore 10.00-13.00
Sabato 26 settembre 2020 il Museo archeologico di Teanum Sidicinum, in collaborazione con l’associazione Amici dei Musei di Teano, celebrerà le Giornate Europee del Patrimonio con un’apertura serale straordinaria, dalle 19.00 alle 22.00, accompagnata da visite guidate alla scoperta delle collezioni del museo, previste anche nella mattina di domenica 27, dalle 10.00 alle 13.00. Attraverso un percorso tra le suggestive sale del Loggione gotico, saranno raccontate le vicende dei Sidicini, un antico popolo italico di stirpe osca, che abitava il territorio collinare alle falde del vulcano Roccamonfina, nell’area compresa tra le attuali regioni della Campania settentrionale e del Lazio meridionale, e che tante testimonianze hanno lasciato.
Info: Via Nicola Gigli 23, Teano |+39 0823 657302 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico dell’Agro atellano
ArcheoVisite: conoscere, educare, amare
Sabato 26 settembre 2020, ore 20.30 | Domenica 27 settembre 2020, ore 11.00
Doppio appuntamento al Museo archeologico dell’Agro atellano che, in collaborazione con l’associazione Archeoclub Atella ‘Arturo Fratta’, organizza due visite guidate alla scoperta delle collezioni del museo, la prima sabato 26 settembre alle 20.30, la seconda domenica 27 settembre alle 11.00. Molti dei reperti esposti sono stati rinvenuti negli scavi avviati dalle autorità competenti su segnalazione dei giovani soci dell’Archeoclub, preziose sentinelle del territorio che, con grande sensibilità, si fanno portatori insieme al museo di “storie di conoscenza”, con l’obiettivo di educare il territorio a conoscere se stesso, a proteggerlo, ad amarlo e a trasmetterlo alle generazioni future. In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio il Museo archeologico dell’Agro atellano sabato 26 settembre resterà aperto fino alle 22.30. Per l’ingresso al museo è previsto un max 10 persone per piano espositivo (per un totale di 20 persone nel museo); per le visite guidate è consigliata la prenotazione nel caso di gruppi superiori a 10 persone.
Info: Via Roma 5, Succivo | +39 081 5012701 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico di Calatia
Una sera al Museo di Calatia...
Sabato 26 settembre 2020, ore 20.00-23.00
Sabato 26 settembre 2020 il Museo archeologico di Calatia celebrerà le Giornate Europee del Patrimonio con un’apertura serale straordinaria. Dalle 20.00 alle 23.00 i visitatori, nella splendida cornice del Casino dei duchi Carafa, potranno ammirare le collezioni del museo, che raccontano la storia del territorio attraverso i reperti provenienti dalle necropoli di Calatia e dall’area urbana, e l’edificio storico recuperato nella sua volumetria e nel suo prezioso apparato decorativo.
Info: Via Caudina 353, Maddaloni | +39 0823 200065 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | www.museoarcheologicocalatia.beniculturali.it

Anfiteatro campano
La Capua antica e la Capua nuova
Domenica 27 settembre 2020, ore 10.00
All’insegna dello slogan “Imparare per la vita”, domenica 27 settembre 2020 dalle ore 10.00 l’Anfiteatro campano diventerà lo spazio di un percorso educativo di eredità narrate e raccolte in un gioco che coinvolge il patrimonio condiviso di due città storiche, la Capua Antica e la Capua Nova. L’anfiteatro campano, simbolo e fulcro della città di Santa Maria Capua Vetere, è legato in maniera significativa alla nuova Capua, che conserva negli spazi cittadini e nel suo museo tanto della città antica. Alcune delle chiavi d’arco che ornavano il portico esterno dell’Anfiteatro sono oggi visibili sulle facciate di edifici di Capua e nel Museo Campano, insieme all’iscrizione dedicatoria del monumento. Così come la città romana di Santa Maria Capua Vetere viene trasferita a Capua, a partire dall’incursione saracena dell’841 d.C., arricchendo la città nuova che si veste delle sue origini, così i “nonni” saggi dell’Archeoclub trasferiranno frammenti della loro conoscenza ai nipoti, in uno scambio di saperi che fonde le generazioni in una ‘comunità educante’. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Comune di Santa Maria Capua Vetere, il Comune di Capua, il Museo provinciale campano di Capua e con l’Archeoclub - Sezione di S.M.C.V.
Inoltre, per l’occasione, il Comune di Santa Maria Capua Vetere organizzerà un percorso di visita nella città, che farà tappa al Museo archeologico dell’antica Capua (Via Roberto d’Angiò, 48) e, da lì, all'Anfiteatro campano, dove si potrà partecipare alle iniziative programmate per le Giornate Europee del Patrimonio 2020.
Info: Piazza I Ottobre 1860, Santa Maria Capua Vetere (CE) | +39 0823 844206 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Anfiteatro campano
Progetto Cur’Arti: visite guidate e presentazione
Domenica 27 settembre 2020, ore 10.00
Domenica 27 settembre 2020 alle 10.00, nell’ambito del progetto Cur’Arti, verrà organizzata nell’Anfiteatro campano e nel Museo dei Gladiatori una visita guidata alla scoperta dei rilievi marmorei che decoravano la cavea dell’anfiteatro e delle armature in bronzo indossate dai gladiatori, le cui copie sono esposte all’interno dello stesso museo. Seguirà la presentazione del progetto Cur’Arti, ideato da Francesca Barrella con la collaborazione di prestigiose strutture ospedaliere partenopee, prima rete in Italia tra Aziende ospedaliere ed Istituti e luoghi di cultura finalizzata all'applicazione dell'arteterapia e di progetti di inclusione sociale ed accessibilità all'arte. Sarà presentata in anteprima la collezione di opere donate al progetto da artisti di rilievo internazionale - Zerha Dogan, Pierre-Yves Le Duc, Emanuela Ughi, Domenico Sepe, Maurizio Ponticello, Veronica Della Porta, Eugenio Bennato, Scuola Comix - al primo Museo-Ambulatorio d'Italia.
Info: Piazza I Ottobre 1860, Santa Maria Capua Vetere (CE) | +39 0823 844206 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico di Calatia
Beethoven e il suo maestro
Domenica 27 settembre 2020, ore 17.30
Domenica 27 settembre 2020 alle 17.30 il Museo archeologico di Calatia, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, propone un concerto organizzato con Asso Artigiani Imprese Caserta e CasArtigiani Caserta per celebrare il 250° anniversario della nascita di Ludwig Van Beethoven. L’omaggio al grande compositore è anche l’occasione per conoscere l’opera del musicista Andrea Luchesi, Kappelmaister a Bonn e maestro di Beethoven. L’evento musicale, con ingresso fino ad esaurimento posti, sarà preceduto dalla presentazione dell’edizione critica dell’opera musicale di Andrea Luchesi, a cura del M° Ernesto Sparago.
Info: Via Caudina 353, Maddaloni | +39 0823 200065 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | www.museoarcheologicocalatia.beniculturali.it


SALERNO

Museo archeologico di Pontecagnano
Archeologia partecipata: il restauro della tomba ‘della donna con l’ombrellino’
Sabato 26 settembre 2020, ore 9.30-13.30
Il Museo archeologico di Pontecagnano propone un incontro di “archeologia partecipata” per sottolineare l’importanza del coinvolgimento della comunità nel recupero e nella valorizzazione del patrimonio culturale. Sabato 26 settembre 2020 alle 9.30 sarà presentato il restauro della tomba ‘della donna con l’ombrellino’, con la partecipazione di tutti coloro che hanno reso possibile il progetto. Il progetto nasce nel 2017 dal rinvenimento a Pontecagnano di un’importante tomba dipinta, databile al III secolo a.C., e ha visto un ampio coinvolgimento di Enti, associazioni e cittadini. La collaborazione tra Soprintendenza ABAP di Salerno e la Direzione regionale Musei Campania ha consentito che, subito dopo lo scavo, la tomba venisse trasportata e rimontata al Museo di Pontecagnano. Grazie a finanziamenti, poi, acquisiti dalla Soprintendenza tramite la piattaforma Art bonus, è stato possibile effettuare il restauro delle pitture, con la partecipazione attiva degli allievi della Scuola di Specializzazione in Archeologia dell’Università di Salerno.
Info: Via Lucania, Pontecagnano Faiano | +39 089 848181 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele
Lavori in corsa: dal deposito alla vetrina
Sabato 26 settembre 2020, ore 18.00-21.00 | Domenica 27 settembre 2020, ore 9.00-13.00
Nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, sabato 26 e domenica 27 settembre 2020 il Museo archeologico nazionale di Eboli e della Media Valle del Sele propone un’apertura straordinaria durante il fine settimana. Nella serata di sabato 26, dalle 18.00 alle 21.00, e nella giornata di domenica 27, dalle 9.00 alle 13.00, sarà possibile visitare il museo con un percorso di visita insolito, alla scoperta di reperti solitamente conservati nei depositi, frutto degli scavi più recenti. I visitatori e tutta la comunità locale potranno, così, conoscere le ultime scoperte emerse nel territorio ebolitano, nella cornice delle nuove attività di gestione, valorizzazione e fruizione del museo, avviate con la riapertura del museo. Per l’ingresso al museo è previsto un max 15 persone per piano espositivo (per un totale di 30 persone nel museo). È consigliata la prenotazione nel caso di gruppi superiori a 10 persone.
Info: Piazza San Francesco 1 (Convento San Francesco), Eboli | +39 0828 332684 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico della Valle del Sarno
Patrimonio ed educazione. Conoscere per capire
Sabato 26 settembre, ore 19.00-22.00 | domenica 27 settembre 2020, ore 9.00-13.00
Ispirata al tema delle Giornate Europee del Patrimonio, “Imparare per la vita”, la mostra “Patrimonio ed educazione. Conoscere per capire” sarà inaugurata sabato 26 settembre 2020 al Museo archeologico della Valle del Sarno. L’allestimento racconta attraverso i reperti della cultura materiale - alcuni dei quali solitamente conservati nei depositi ed eccezionalmente esposti per l’occasione - l’evoluzione delle tecnologie utilizzate dall’uomo e il miglioramento della sua condizione economica e sociale nel corso dei secoli. In occasione dell’apertura straordinaria, sabato 26 dalle 19.00 alle 22.00 saranno organizzate visite guidate contingentate alla mostra e alle collezioni, a cura del personale del Museo, previste anche domenica 27 dalle 9.00 alle 13.00.
Info: Via Cavour 7 (Palazzo Capua), Sarno | +39 081 941451 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico di Pontecagnano
Musée éclaté – Museo senza limiti: programmi e attività della II edizione
Sabato 26 settembre 2020, ore 19.30-22.30
Il progetto “Musée éclaté - Museo senza limiti”, finanziato dalla Regione Campania al Comune di Pontecagnano Faiano nell’ambito dei POC 2014-2020, anche quest’anno ha come partner principale la Direzione regionale Musei Campania con il Museo archeologico di Pontecagnano, con l’obiettivo di rafforzare il legame tra la città, luogo di rinvenimento di eccezionali testimonianze archeologiche, e il Museo che le conserva, le valorizza e le promuove. In occasione dell’apertura straordinaria serale del museo, sabato 26 settembre 2020 alle 19.30, saranno presentati al pubblico i risultati della I edizione e il programma di quest’anno che, dopo lo stop determinato dall’emergenza sanitaria, è ripartito con le prime attività. Oltre ai laboratori didattici “Percorsi tra la città e il MAP”, saranno realizzate nuove installazioni ispirate ai ritrovamenti archeologici di alcuni luoghi della città, opera di artisti selezionati attraverso un bando già pubblicato dal Comune di Pontecagnano Faiano. La serata si concluderà con un intrattenimento musicale.
Info: Via Lucania, Pontecagnano Faiano | +39 089 848181 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Certosa di San Lorenzo
Salvador Dalì: una performance per l’arte contemporanea
Sabato 26 settembre, ore 19.30-22.30
Sabato 26 settembre 2020, dalle 19.30 alle 22.30 apertura straordinaria alla Certosa di San Lorenzo a Padula, dove, dopo un attento restauro a cura della Direzione regionale Musei Campania, le celle dei monaci nel Chiostro Grande saranno aperte contemporaneamente per una visita speciale al percorso di arte contemporanea del progetto “Le opere e i giorni” di Achille Bonito Oliva (2002-2004). Ad introdurre il percorso, una performance dal titolo “Salvador Dalì. Yo soy un genio!”, un viaggio nella vita del celebre artista spagnolo attraverso i suoi diari e le sue lettere: dal racconto dei suoi anni giovanili a Figueras agli incontri a Parigi con Mirò e Freud, dall'apprendistato all'Accademia di Madrid alle esperienze cinematografiche con Bunuel, e poi il suo dandismo sfrenato, il cibo, il Parsifal, le lettere senza risposta con Picasso e quelle cariche di ammirazione per Garcia Lorca, gli orrori della guerra, la Spagna, il grande amore della vita, Gala. Faranno da contrappunto brani classici per chitarra di Villa Lobos, Torroba, Zequinha de Abreu, Tarrega, nonchè incursioni di standard jazz come Blue moon e All of me. Il reading teatrale è una produzione SOBREMESA, a cura di Andrea Avagliano, con Andrea Avagliano, Francesco Casaburi, Enrico Santoro, chitarre Vito Palazzo, scene Pio Manzo.
Info: Viale Certosa 1, Padula | +39 0975 77745 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele
Reti archeologiche
Domenica 27 settembre 2020, ore 9.00-13.00
Domenica 27 settembre 2020 dalle 9.00 alle 13.00, nell’ambito delle aperture straordinarie per le Giornate Europee del Patrimonio, il Museo archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele propone ai suoi visitatori una passeggiata tra le emergenze archeologiche della città e il museo, custode dei reperti recuperati in questi contesti. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Salerno e Avellino, il Comune di Eboli e Antiche Fornaci srl, per promuovere la conoscenza del territorio in un’ottica di rete e collaborazione tra le diverse realtà culturali che vi operano.
Per l’ingresso al museo è previsto un max 15 persone per piano espositivo (per un totale di 30 persone nel museo). È consigliata la prenotazione nel caso di gruppi superiori a 10 persone.
Info: Piazza San Francesco 1 (Convento San Francesco), Eboli | +39 0828 332684 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico di Pontecagnano
Laboratori di Musée éclaté – Percorsi tra la città e il MAP
Domenica 27 settembre 2020, ore 9.30-13.30
Nell’ambito del progetto “Musée éclaté - Museo senza limiti”, condotto in partenariato con il Comune di Pontecagnano Faiano e finalizzato a collegare più strettamente il Museo con i luoghi archeologici della città, domenica 27 settembre 2020, dalle 9.30 alle 13.30, il Museo archeologico di Pontecagnano propone un laboratorio di creazione per bambini. Ispirato agli oggetti provenienti da una singolare sepoltura rinvenuta a Pontecagnano, in Via Dante, appartenente ad una coppia di guerrieri di elevato rango sociale dell’VIII secolo a.C., il laboratorio è rivolto a bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 13 anni.
Info: Via Lucania, Pontecagnano Faiano | +39 089 848181 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Certosa di San Lorenzo
Itinerari green in Certosa
Domenica 27 settembre 2020, ore 10.00-14.00
Domenica 27 settembre 2020, dalle 10.00 alle 14.00 alla Certosa di San Lorenzo a Padula sarà protagonista il verde, per una domenica green all’insegna dell’arte contemporanea e non solo. Attraverso un percorso pensato per la riapertura dopo il lockdown, i visitatori potranno passeggiare negli spazi verdi degli orti, dei giardini e del parco tra le installazioni di arte contemporanea, tra cui “Altum Silentium” di Maria Dompè (2017), realizzata nella Corte dei Granai per la mostra “Il Cammino delle Certose”, e le opere realizzate nell’ambito del progetto “Fresco Bosco” (2006-2008). Sarà possibile, inoltre, visitare le cantine della Certosa con il recente allestimento del percorso "Dalle vigne certosine al torchio maestoso", realizzato in collaborazione con l'associazione Certosa Estesa, per approfondire con il supporto di strumenti multimediali ed innovativi una delle attività produttive dei monaci certosini, la lavorazione del vino, dalla raccolta nelle vigne alla spremitura effettuata anticamente con l’utilizzo del maestoso torchio certosino.
Info: Viale Certosa 1, Padula | +39 0975 77745 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


BENEVENTO

Museo archeologico del Sannio caudino
Pentagramma rosa. Una storia della musica al femminile
Sabato 26 settembre 2020, ore 20.00
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, sabato 26 settembre alle ore 20.00 al Museo archeologico del Sannio caudino si svolgerà Pentagramma Rosa. Una storia della musica al femminile. Sarà possibile ascoltare nel simbolico salotto di Assteas, il pittore autore del famoso vaso conservato al Museo, brani musicali rari eseguiti da Alessandra Rigliari - violino, Tatiana Sapeshko - pianoforte, Teresa Sparaco - soprano.
L’iniziativa, ideata dal maestro Florindo Di Monaco, è in collaborazione con la Direzione regionale Musei Campania e l’Assessorato alla cultura del Comune di Montesarchio. Prenotazione obbligatoria (+39 389663033).
Info: Via Castello, Montesarchio | +39 0824 834570 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Teatro romano di Benevento
Gli incantesimi della mitologia: dal divino al terreno
Sabato 26 settembre 2020, ore 20.30
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio apertura straordinaria serale al Teatro romano di Benevento, dove si svolgerà la performance di danza in collaborazione con Carmen Castiello. I Greci ritenevano che tutte le arti fossero basilari per la vita umana e nella loro visione le rappresentavano attraverso le nove Muse, che accompagnavano nelle sue espressioni Apollo, dio della bellezza e dell’armonia. Figlie di Zeus e Mnemosine (la dea della memoria), le Muse simboleggiavano gli strumenti della conoscenza e ispiravano ogni manifestazione del pensiero, dell’arte e della scienza. La Musa della danza era Tersicore e, come indica il nome stesso (dal verbo térpeo = dilettare e dal sostantivo choreìa = danza), significa “dilettare con la danza”. Questa Musa in pitture e bassorilievi è stata spesso rappresentata nell’atto del danzare o di suonare la lira, strumento di lirica corale. La partecipazione all’evento è con il biglietto del Museo.
Info: Piazza Caio Ponzio Telesino, Benevento | +39 0824 47213 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Teatro romano di Benevento
Le donne al Parlamento
Domenica 27 settembre 2020, ore 10.00 e 20.30
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio doppio appuntamento al Teatro romano di Benevento: domenica 27 settembre alle ore 10.00 e alle 20.30 si potrà assistere alla rappresentazione Le donne al Parlamento, la commedia di Aristofane andata in scena per la prima volta ad Atene, alle Lenee del 392 o 391 a.C. Racconta la vicenda di un gruppo di donne, con a capo Prassagora, che decidono di tentare di convincere gli uomini a dar loro il controllo di Atene, perché in grado di governare meglio di loro, che stanno invece portando la città alla rovina. Gli artisti del Balletto di Benevento di Carmen Castiello metteranno in scena la vicenda alternando interventi recitati con interventi coreutici, in una commistione di arte e movimento che proietterà il pubblico in una storia senza tempo quanto mai attuale e controcorrente. La partecipazione all’evento è con il biglietto del Museo.
Info: Piazza Caio Ponzio Telesino, Benevento | +39 0824 47213 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo archeologico del Sannio caudino
Da Rosso Immaginario a Rosso Reale. Tra vini e miti
Domenica 27 settembre 2020, ore 11.00
Un appuntamento speciale tra archeologia e tradizione enologica del territorio caudino! L’iniziativa rientra nella rassegna “Da Rosso Immaginario a Rosso Reale. Tra vini e miti”, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Montesarchio e dalla Direzione regionale Musei Campania con il Museo archeologico del Sannio caudino, in collaborazione con l’Ente Parco regionale del Taburno Camposauro e l’associazione L’Enoteca. La sala del museo sarà allestita con un salotto a tema ribattezzato “Il salotto di Assteas” e un esperto racconterà un particolare aspetto culturale del mondo antico incentrato sulle collezioni del museo e legato alla cultura quotidiana del simposio e al consumo di vino. Sarà illustrato, inoltre, un particolare tipo di vino rosso prodotto localmente e alla fine dell’incontro sarà offerta una degustazione di vini del territorio.
Info: Via Castello, Montesarchio | +39 0824 834570 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


AVELLINO

Museo del Palazzo della Dogana dei Grani
La Dogana di Atripalda e di Avellino: la Dogana nella Dogana
Sabato 26 settembre 2020, ore 19.00-22.00 | domenica 27 settembre 2020, ore 10.00-14.00
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, sabato 26 settembre 2020 dalle 19.00 alle 22.00 apertura straordinaria serale del Museo del Palazzo della Dogana dei Grani ad Atripalda, che sarà aperto eccezionalmente anche domenica 27 settembre dalle 10.00 alle 14.00. Saranno esposte per la prima volta le statue che decoravano la facciata della Dogana, recuperate dall’allora Soprintendenza di Salerno e Avellino dopo il devastante incendio del 1992 e conservate fino ad ora in deposito. Si potranno ammirare i busti dell'imperatore Adriano, di Pericle, dell'imperatore Augusto e dell'imperatore Antonino Pio, le statue di Afrodite, di Niobide, di Artemide e di un Efebo, realizzati tra il XVII e il XVIII secolo in marmo bianco di Carrara e in alabastro. La Dogana, posta all'incrocio di importanti vie di comunicazione tra la Puglia e Napoli, fu fatta ricostruire nel 1676 da Francesco Marino I Caracciolo, principe di Avellino, su progetto di Cosimo Fanzago che ne rafforzò il valore simbolico con l’inserimento della statuaria nella facciata dell’edificio. L’esposizione racconta la storia, ancora poco conosciuta, della Dogana di Atripalda e Avellino.
Info: Piazza Umberto I, Atripalda | +39 0825 626586 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PER ULTERIORI INFO:
www.beniculturali.it/gep2020
www.polomusealecampania.beniculturali.it

 

 

Direzione regionale Musei Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Email:  drm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-drm-cam@mailcert.beniculturali.it

Contatti telefonici Uffici e Luoghi della Cultura >>

Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) :  0039.081.2294-415/584/585/470
Email:  drm-cam.urp@beniculturali.it
webmaster    |