Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.
Avviso visite al Museo di San Martino

Domenica 5 marzo, e solo nelle domeniche gratuite, per motivi di sicurezza legati alla grande affluenza di pubblico, dalle ore 17 sarà possibile visitare esclusivamente la Chiesa e la Sezione presepiale.

Villa Jovis: Orari marzo 2017

VILLA JOVIS: Orario – marzo 2017

Da giovedì 2 a domenica 5 marzo: ore 10 -16 (ultimo ingresso ore 15.30)
Nelle settimane successive, apertura da mercoledì a sabato: ore 10 -16 (ultimo ingresso ore 15.30)

Castel Sant'Elmo: chiusura anticipata

Si comunica che, dal giorno 2 novembre 2016, il complesso monumentale di Castel Sant'Elmo, per motivi legati alla sicurezza, chiudera' al pubblico alle ore 17.00, con ultima emissione dei biglietti alle ore 16.00. Tale disposizione restera' in vigore fino al ripristino dell'impianto di illuminazione del fossato e delle rampe.

L’Albero della cuccagna. Nutrimenti dell’arte: Blue Nymph, Emiliano Maggi

Con il patrocinio di EXPO 2015, e con la collaborazione del MiBACT e del Programma sperimentale per la cultura Sensi Contemporanei dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, Achille Bonito Oliva chiama a raccolta oltre quaranta artisti internazionali per un grande progetto espositivo, L’Albero della cuccagna. Nutrimenti dell’arte, dislocato su tutto il territorio nazionale.

Il Polo museale della Campania aderisce alla manifestazione, ospitando in due sedi prestigiose le opere di  Maurizio Elettrico a Castel Sant’Elmo a Napoli ,  di Emiliano Maggi e di Matteo Fraterno alla Certosa a Padula.

Nella Certosa di Padula viene presentata l’opera di Emiliano Maggi Blue Nymph, ultima monumentale creatura del nuovo progetto performativo, The Nymphs Orchestra esposto per la prima volta nel 2014 al Mona Museum, in Tasmania. Maggi trasforma un tronco di 4 metri in uno strumento musicale sospeso tra passato ancestrale e presente tecno-rock, per far risuonare nel porticato del chiostro grande della Certosa il racconto senza parola del mito delle ninfe.  Attraverso l'intervento dal vivo dell'artista il legno assume nuova vita e superando la sua valenza puramente scultorea e spaziale, fa propria la dimensione immateriale del tempo e del divenire.

Durante i tre giorni di presentazione l’installazione si anima con il concerto-performance Il Dio degli alberi canta la Ninfa blu, che accompagna il programma di visite previste due volte al giorno, alle 11.00 e alle 15.00, a molte opere dell’importante collezione d’arte contemporanea, conservata nelle celle della Certosa, nata in seguito alla rassegna Le opere e i giorni, curata da Achille Bonito Oliva dal 2002 al 2004.

Nell’ultima settimana di ottobre verrà presentata, infine, la seconda installazione ospitata dalla Certosa di San Lorenzo nell’ambito del progetto espositivo L’Albero della cuccagna. Nutrimenti dell’arte:
l’opera di Matteo Fraterno ispirata alla devozione popolare e ai santi patronali del territorio del Vallo di Diano.


Emiliano Maggi (Roma 1977) studia all’Accademia di Belle Arti di Roma per poi specializzarsi in Costume Design presso la Scuola Nazionale di Cinema di Roma. La sua poliedrica produzione spazia dalla performance alla produzione di gioielli, dal progetto musicale Estasy a lavori fotografici e pittorici. Nel 2011 vince (ex aequo con Tomaso De Luca) la seconda edizione del Premio Lum per l'Arte Contemporanea.
Tra le esposizioni collettive cui ha partecipato, si ricordano:
Subway Dreams, the Newsstand & Nero magazine for the Art Book Fair, NY; Vision & Prayer, Lorcan O'Neill Gallery, Roma (2013); Les intermittences du coeur Ex Elettrofonica, Roma (2012) ; Regeneration, Macro, Roma (2012); Patria Interiore, Goldent Threat Gallery, Belfast (2012); Argenti Dominus Vulpes, Rongwrongallery, Amsterdam, 2011; When in Rome, Italian Culture Institute, Los Angeles (2011); Life is Art, Santa Rosa, California (2010); Danse Macabre, Nomas Foundation, Roma (2010); New Orleans Art Biennial, KKK projects gallery, New Orleans (2008).


PERCORSO DI VISITA ALLA COLLEZIONE D’ARTE CONTEMPORANEA DELLA CERTOSA
CELLA 1:  Sol LeWit, Wall-drawing, 2004 - Robert Gligorov, Prey, 2003-Franz West e Tamura Sirbiladze, Invenzione, 2004.
CELLA 2: Luca Maria Patella, De remediis utriusque fortunae, 2002 - Ousmane Ndiaye Dago, Femme Terre, 2004.
CELLA 3: Luigi Ontani, SanLorenzomARTIre'dapAdula, 2003 - Adrian Tranquilli, Hero, 2004.                        
CELLA 4: Alessandro Diaz de Santillana, Senza titolo, 2002 - Enzo Cucchi, Secco, 2004 - Alberto Garruti, Lastra d'oro, 2004  - Per Barclay,  Fonte, 2003.
CELLA 5: Giuseppe Zevola,   La regola e l'eccezione,  2003 - Pietro Capogrosso, Nella misura in cui (due pannelli), 2004 - Federico Fusi,  Modulazione 29. Il mio impegno siete voi redenti dal sangue di Cristo, 2003-2004                   
CELLA 7: Dino Innocente,   Lettere dalla memoria,  2002 e 2004 - Monica Biancardi,  Santi, 2004,
CELLA 10vLuca Pancrazzi, La cura del selvatico, 2002 - Carlo Benvenuto, Senza titolo, 2003.                   
CELLA 14: H.H. Lim,  La pazienza, 2002 - Renato Mambor,  Forma e contenuti, 2004.
CELLA 15: Jan Fabre, Sarcofago conditus,  2003 - Emilio Isgrò, Padrenostro delle formiche,  2004  - Mimmo Paladino e Toni Servillo, Non avrà un titolo,  2003 - Wainer Vaccari, Autoritratto allo specchio,  2004.

L’installazione Blue Nymph di Emilano Maggi sarà visitabile anche in occasione della XI edizione della Giornata del contemporaneo promossa da AMACI.
    

INFORMAZIONI
Sede:  Certosa di San Lorenzo, Padula, Viale Certosa, 1
pm-cam.padula.amm @beniculturali.it; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Date:       8 ottobre 2015 – gennaio  2016
Orario:     ore  9.00 -19.30 (ultimo ingresso 19.00) ; martedì chiuso
Ingresso:  Euro 4,00

Ufficio Stampa:
Polo museale, Simona Golia, tel. 081.2294478, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Certosa di San Lorenzo, Padula
La costruzione della Certosa di San Lorenzo ebbe inizio nel 1306 per volontà di Tommaso Sanseverino, conte di Marsico. Il monastero, ubicato nel pianoro dominato dal centro antico di Padula, è uno dei più grandi d'Europa: la superficie totale supera i 50.000 mq di cui oltre 30.000 di  superficie coperta.
                            
La Certosa venne fondata non solo per rinsaldare il vincolo tra gli Angioini e il signore del Vallo di Diano, quindi per motivi diplomatici, ma anche per finalità pratiche. Il territorio di Padula, infatti, necessitava di una vasta opera  di bonifica delle paludi createsi in seguito alle piene del fiume Tanagro e l' Ordine certosino aveva conoscenze e capacità per impegnarsi anche in tale attività. Il cenobio è articolato secondo il rigido schema consolidatosi nel corso dei secoli, fin dalla costruzione dell'ordine, fondato nel 1084 da S. Brunone di Colonia, in Francia.

Perciò, anche qui venne realizzata una struttura che manteneva netta la distinzione tra la parte bassa, destinata ai contatti sociali, all'attività amministrativa, agricola e artigianale, e la parte alta, dedicata invece alla clausura e alla vita ascetica dei Padri. Il parco recintato costituiva l'orto comune del complesso, coltivato a vite e cereali, e misurava oltre 20 ettari. Lungo i viali ortogonali si alternavano siepi ed alberi da frutto, mentre nei punti di intersezione si trovavano slarghi circolari delimitati da elci, allori e cipressi. Il complesso monastico crebbe di dimensione e di importanza nel corso dei secoli, fino al dominio Napoleonico, quando gli ordini monastici vennero soppressi. Fu allora che la Certosa di San Lorenzo venne saccheggiata e spogliata di gran parte dei tesori accumulati nei secoli: i quadri, gli ori, gli argenti, le statue ed i volumi della ricchissima biblioteca andarono dispersi. Al termine del periodo francese i Certosini tornarono nel monastero, ma nel 1866, dopo un lungo periodo oscuro, si giunse alla definitiva soppressione.

La Certosa, pur dichiarata Monumento Nazionale dal 1882, è stata abbandonata per decenni ed utilizzata come carcere, lazzaretto, caserma, scuola e, addirittura, come campo di concentramento durante le due guerre mondiali. Dal 1982 la Soprintendenza di Salerno e Avellino (che ha gestito la Certosa fino al 2014) ha intrapreso il lungo e complesso lavoro di restauro e rifunzionalizzazione degli spazi che ha ricondotto l'antica struttura all'originario aspetto: dal 1998 il Monumento è stato dichiarato dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità; oggi, tra l'altro, ospita il Museo Archeologico della Lucania Occidentale, gestito dall'Amministrazione Provinciale di Salerno e una importante collezione di opere d'arte contemporanea dal titolo Le Opere e i Giorni, frutto della Rassegna internazionale svoltasi negli anni 2002-2004. Nel Desertum – ovvero il grande spazio verde che circonda la Certosa – alcune installazioni di opere d'arte contemporanea che hanno dato luogo alla manifestazione pluriennale dal titolo Fresco Bosco (2003–2006),  presentano diverse forme creative e offrono nuove suggestioni estetiche, promuovendo una innovativa lettura del paesaggio.

  • Dove: Certosa di San Lorenzo - Padula (Salerno)
  • Da: Giovedì, 08 Ottobre 2015
  • A: Venerdì, 01 Gennaio 2016
  • Note:

    8-9-10 Ottobre 2015: Concerto-performance Il Dio degli alberi canta la Ninfa blu, ore 11.00 e 15.00.

Download:
Polo museale della Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Segreteria:  0039.081.2294459   -  0039.081.2294454   |   Centralino:  0039.081.2294401
Email:  pm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-pm-cam@mailcert.beniculturali.it
webmaster    |