Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.

WIKIMUSEUMS: a proposito di musei e open data

WIKIMUSEUMS: a proposito di musei e open data - 5 e 6 maggio 2016, Museo Pignatelli, Napoli

Un evento dedicato alle interazioni tra musei, sfera digitale e cittadinanza attiva: due giorni di incontri e approfondimenti per conoscere e imparare a usare gli strumenti digitali più innovativi e utili ad avvicinare i cittadini ai beni culturali delle nostre città.

Un programma composto da una conferenza aperta al pubblico, un workshop di formazione per professionisti del settore culturale e una maratona digitale per un gruppo di studenti. Tre momenti diversi, con un unico obiettivo: riscoprire la funzione pubblica del patrimonio culturale e il ruolo attivo della comunità nel definirne l’importanza.

Il programma in breve: conferenza, workshop, maratona

Venerdì 6 maggio, dalle 9 alle 13, una conferenza aperta al pubblico, ricca di casi di studio e testimonianze da Italia e Olanda, presenterà i temi e gli strumenti più importanti: la digitalizzazione delle collezioni, l'approccio wiki e crowd al patrimonio, il ruolo degli open data nei progetti di divulgazione. Nel pomeriggio, dalle 14.30, un workshop pratico inviterà un gruppo di operatori e professionisti dei musei e dei beni culturali a mettersi in gioco in prima persona come contributors di Wikipedia, sperimentando a partire dalle opere del Museo Pignatelli.

Nel frattempo, a partire da giovedì 5 maggio, un gruppo di studenti napoletani sarà coinvolto in una vera e propria maratona digitale lunga due giorni, per valorizzare luoghi e monumenti meno conosciuti di Napoli e lasciare un nuovo patrimonio digitale in dote alla città.

La sfida di Wikimuseums

Musei, collezioni e beni culturali sul nostro territorio costituiscono una risorsa sottoutilizzata, un potenziale di conoscenza ancora troppo distante dalla vita quotidiana dei cittadini. Riappropriarsi della storia e della memoria di questi luoghi, condividendone il valore, significa ricostruire un’identità collettiva, un laboratorio di dialogo democratico di cui le nostre città hanno oggi sempre più bisogno. Per questo servono cittadini consapevoli della loro importanza, ma anche istituzioni culturali aperte, inclusive e aggiornate.

Wikimuseums nasce proprio per stimolare musei, professionisti e cittadini ad affrontare questa sfida: favorire e ampliare l’accesso alla cultura attraverso strumenti digitali semplici e di uso quotidiano, in un’ottica di uso civico della rete e di cura del bene comune.

Venerdì 6 maggio, dalle 9 alle 13

Conferenza aperta al pubblico

Wikimuseums porterà a Napoli progetti e casi di studio italiani a cui si aggiungeranno alcune testimonianze eccellenti dall’Olanda, frutto della collaborazione con l’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi a Roma che ha premiato il progetto fra i vincitori del Bando “Le Sfide delle Città”.

Peter Gorgels del Rijksmuseums di Amsterdam presenterà Rijksstudio, uno dei più innovativi progetti al mondo nella valorizzazione delle collezioni museali online: un portale che invita il pubblico a creare il proprio capolavoro scaricando immagini e dettagli di celebri opere e riutilizzandoli in modo creativo. Il museo lancerà a fine aprile una nuova versione del portale e ha scelto di presentarla per la prima volta a Napoli.

Rossella Tarantino e Paolo Verri di Matera 2019 racconteranno I-DEA, uno dei progetti che ha consentito alla città di aggiudicarsi il titolo di Capitale Europea della Cultura: la digitalizzazione degli archivi e delle collezioni del territorio lucano in un grande museo virtuale, diffuso e accessibile da tutti.

Marteen Brinkerink racconterà l’esperienza di Open Cultuur Data, il network di professionisti olandesi che già dal 2011 si dedica agli open data per il settore culturale. Presenterà inoltre i risultati di una prima ricerca condotta in Olanda che cerca di valutare l’impatto di queste azioni di comunicazione.

Davide Baruzzi di BAM! Strategie Culturali parlerà del progetto QRpedia e della sua applicazione alla Galleria Nazionale di Parma: un’azione molto semplice che può allargare in modo efficace la platea del pubblico internazionale dei musei.

Claudio Forziati e Saverio Giulio Malatesta di Wikimedia Italia presenteranno l’attività del Progetto GLAM (Gallerie, Biblioteche, Archivi e Musei) di Wikipedia: il gruppo dedicato a migliorare i contenuti relativi al settore culturale dell’enciclopedia più usata al mondo.

Chi può partecipare

> La Conferenza di venerdì 6 maggio alle ore 9 è aperta al pubblico ad ingresso gratuito, con iscrizione obbligatoria: è ancora possibile iscriversi online su www.wikimuseums.com

> Il Workshop per operatori e professionisti dei musei e la Maratona dedicata a un gruppo di studenti napoletani sono a numero chiuso: le iscrizioni sono terminate il 20 aprile.

Chi organizza

Wikimuseums è un evento organizzato da BAM! Strategie Culturali e Polo museale della Campania in collaborazione con Open Cultuur Data (NL) e Wikimedia Italia, realizzato grazie al supporto dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Italia.

Il progetto è uno dei sei vincitori del bando “Le Sfide delle Città”, lanciato dalle missioni diplomatiche olandesi in Italia in occasione del semestre di Presidenza dell’Unione Europea, che invitava organizzazioni culturali e aziende creative italiane a costruire progetti di collaborazione con professionisti creativi e artisti olandesi.

  • Dove: Museo Pignatelli - Napoli
  • Da: Giovedì, 05 Maggio 2016
  • A: Venerdì, 06 Maggio 2016
Download:
Polo museale della Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Email:  pm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-pm-cam@mailcert.beniculturali.it

Informazioni   |  Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) :  0039.081.2294415   -  0039.081.2294470
Email:  pm-cam.urp.edu@beniculturali.it
webmaster    |